petra




Sembra un’astronave cilindrica atterrata per caso.
Si chiama Petra (che in latino significa pietra), di proprietà della famiglia Moretti, proprietaria di altre famose cantine in Franciacorta a cominciare da quella del celebre spumante Bellavista.
Qui si producono olio extravergine e soprattutto i vini della "casa": Petra Val di Cornia DOC Suvereto e Petra IGT Toscana.

A Suvereto (Livorno), nel cuore della tenuta di trecento ettari tra vigneti, boschi e uliveti si staglia un gioiello in muratura, un edificio progettato dall’architetto Mario Botta.
Petra è un solido dalle forme sinuose in pietra interrotto da un piano inclinato che riprende il profilo della collina e con ai lati due costruzioni più basse con degli ampi portici.
“Il progetto – dichiara Mario Botta - vuole essere una reinterpretazione delle antiche dimore di campagna toscane in cui il disegno delle coltivazioni, in questo caso i vigneti, era parte integrante del disegno architettonico”. E’ per questo che il cilindro è abbracciato da una zona verde che, come un camaleonte, cambia i suoi colori secondo le stagioni.

Petra è una perfetta fusione di comfort e funzionalità: si inserisce perfettamente nel paesaggio impreziosendolo senza stonature ed è stato studiato in modo da ottimizzare tutti i passaggi di lavorazione dei vini. Un edificio, dunque, creato ad esatta misura del ciclo produttivo e l’aspetto estetico del luogo.

....da vedere !!!!!

Petra
Località San Lorenzo Alto, 131
Suvereto (Livorno)

www.petrawine.it

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Un Botta alla Botte e l'altra al...

max pigiamino ha detto...

Il buon Moretti, da bravo bresciano, quando fà una cosa la fà alla grande e soprattutto per bene.
Max Pigiamino Perbellini

°Alice e il vino ha detto...

anonimo:: ......e l'altra al bottaio ?

max:: ciao max....scusa il ritardo, beh...devo ammettere che ti do ragione al 100% ;-)

baci
bEtt

Giorgio ha detto...

Ammazza che brutta...come rovinare un bel paesaggio naturale!