vino e designer, anche per il packaging



Non è la prima volta che mi capita di parlare di Salaparuta, uno dei punti di riferimanto dell'enologia siciliana.
Esemplare sicuramente il modo in cui hanno gestito la comunicazione ed il marketing.

All'interno del sito aziendale hanno costruito una sezione riservata al packaging ed agli acessori firmati DUCA di Salaparuta...ma la cosa che ho notato, e che ho trovato veramente meritevole di segnalazione, è che su ogni prodotto dell'azienda viene citato il DESIGNER che l'ha progettato.....vi sembra una cosa tanto usuale e diffusa in Italia ?

3 commenti:

Giorgio ha detto...

Non e' diffusa, e speriamo non si diffonda... queste operazioni di marketing, molto snob e chic servono solo per aumentare il prezzo della bottiglia.
Poi, se il vino e' buono, nessuno se lo chiede ormai piu'.

Anonimo ha detto...

Giorgio, vai a quel paese, senza offesa. Dietro gli oggetti che compriamo ogni giorno, siano di design o meno, ci sono spesso delle persone che lavorano alecremente per uno straccio di riconoscimento, che raramente viene concesso loro (eccezion fatta per i grandi nomi, che sono tali ormai da anni e che per arrivare a tanto hanno dovuto lavorare molti anni nell' ombra). Se disegnassi un prodotto, mi piacerebbe che la gente sapesse che l' abbia progettato io, specie se è meritevole di attenzione.

Sofia ha detto...

..ho comprato anni fa un oggetto molto simile in Danimarca e nel nord europa è una pratica diffusa quella di apporre il nome del designer!Io trovo che sia un'idea degna di diffusione!..è un modo per dare all'oggetto personalità e riconoscere i meriti a chi lo ha creato!Già che ho condiviso con voi ciò che penso vi segnalo anche una iniziativa carinissima a mio parere promossa da Santa Cristina http://www.santacristina1946.it/stappaescatta
Secondo me vale la pena tentare! Colgo l'occasione per farti i miei complimenti per questo blog, ricco di spunti e articoli curiosi e interessanti! Un caro saluto!